Entrecote V.B.A.C. IGP Marchigiana 30 Dry Aged

Disponibile
€ 20,00/Kg
Iva (10%)

N.B.: il peso selezionato è indicativo, il peso reale del taglio potrà differire al max del 10%. Il costo sarà calcolato sul peso reale.
L'entrecote costituisce la parte anteriore della lombata disossata con maggiore infiltrazione di grasso.

Le ultime tendenze di settore vedono una maggiore attenzione del consumatore verso un'alimentazione più sicura e sana e questo ha generato un incremento del consumo di carni di qualità ed una conseguente rivalutazione delle razze rustiche che, prestandosi maggiormente ad un'alimentazione al pascolo, presentano una carne di notevole interesse a livello qualitativo. La razza bovina Marchigiana fa parte di quelle razze autoctone di elevato pregio che, in virtù della propria versatilità, consente un sistema di allevamento più estensivo. La storia di questa razza, il cui allevamento oggi è diffuso in tutto il centro-sud Italia, risale alla metà del XIX secolo, quando gli allevatori marchigiani incrociarono il bovino podolico autoctono con i tori chianini e successivamente con i bovini di razza romagnola.

LA RAZZA
Per poter essere certificata con il marchio Vitellone Bianco dell'Appennino Centrale IGP, la carne deve provenire da bovini, maschi e femmine, iscritti al Libro Genealogico Nazionale delle razze Chianina, Marchigiana e Romagnola; è solamente l'iscrizione al Libro Genealogico che permette ad un bovino di essere definito con il termine di RAZZA.

MARCHIGIANA
Ricoperto da un pelo corto, bianco e liscio, con sfumature grigie sulle spalle, l'avambraccio e le occhiature, il bovino Marchigiano si riconosce per la cute pigmentata, la testa possente ma leggera, il collo corto, gibboso nei maschi, con giogaia ridotta e lo sviluppo armonico delle varie regioni somatiche.

La storia della razza Marchigiana, come la conosciamo oggi, inizia in realtà verso la metà del XIX secolo quando gli allevatori marchigiani incrociarono il bovino podolico autoctono (derivato dal "Bovino dalle grandi corna" giunto in Italia nel VI secolo d.C.) con tori chianini per ottenere una razza con maggior attitudine al lavoro e alla produzione di carne.
L'effetto di questo incrocio fu una trasformazione evidente del bovino: miglior sviluppo muscolare, mantello più chiaro, corna più corte e testa più leggera. Dopo un ulteriore incrocio con la razza Romagnola agli inizi del XX secolo, per abbassare la statura e rendere la razza adatta al lavoro dei campi, la Marchigiana assunse i caratteri attuali. Ottima produttrice di carne, sia in termini di resa al macello che di qualità delle carni (leggermente rosate e con grana fine), la Marchigiana viene oggi allevata in tutta l'Italia centrale, con punte di diffusione in Campania, Sicilia e all'estero (soprattutto Canada, USA e America Latina).

L'ottima capacità di adattamento ne fa un bovino ideale per il pascolo in terreni difficili, e quindi un veicolo di recupero e valorizzazione economica dei cosiddetti "terreni marginali".
Taglio: Entrecote
Metodo di cottura: griglia - bbq
Spessore di taglio:  16
SERVIZIO CLIENTI
0824 985685
   
0824 985685    
info@scaramuzzo.it
    

Pagamenti

Facili e sicuri con PayPal
e carta di credito
Scaramuzzo scsarl - Via Campo Sportivo, 23 82020 Reino (Bn)
| P.IVA 01414240620 | www.scaramuzzo.it